mercoledì 29 gennaio 2014

TOGETHER, il mondo si incontra in una casa nel cuore di Roma

C'è una casa nel cuore di Roma. Si chiama Together, è un luogo di incontro e d'ispirazione, un incrocio di vite, un mondo in miniatura. Ad aprirla alla gente è stato Ernesto, giovane romano impegnato nel marketing aziendale con l'animo da viaggiatore e il sangue convintamente italiano, insieme a Dario e Francesco.

Qui, al numero 14 di Viale Glorioso, può passare chiunque. Per cinque minuti o per giorni interi, perché è proprio una casa vera, messa in piedi in due settimane con l'aiuto di tante persone. Qui si cercano persone con la voglia di fare, di cambiare le cose, di dare e ricevere. Ci sono giorni che se passate trovate laboratori di cucina, rappresentazioni teatrali, concerti, lezioni di inglese e di yoga.


Sistiana in concerto da Together il 30 dicembre


"Non è un co-working - mi fa notare Ernesto - proprio come al mondo, qui ci si autogestisce, si campa, ma con la grande differenza che lo si fa con passione, con sacrifici certo, responsabilità, ma soprattutto con la voglia di essere felici."
E pure col coraggio, dico.
"Io lo chiamerei impegno. Il segreto per far andare un'iniziativa così è quello di mettercela tutta fin dal primo secondo."




Ernesto mi racconta che per puro caso o per giusta coincidenza ha trovato Dario e Francesco a voler credere in qualcosa di così impegnativo (e coraggioso), tre quasi sconosciuti che, con la "fiducia nell'essere abbastanza pazzi", il rispetto reciproco e la spinta a voler dare il proprio contributo, hanno unito le forze e gli amici e, dopo aver trovato una bella casa, sfitta e adatta per farci fiorire Together, l'hanno resa con-vivibile dal 1 dicembre.



"Roma rappresenta l'Italia, che è il posto da dove vogliamo partire. Le persone sono il vero made in Italy, e proprio loro sono quelle che vedono il futuro solo fuori da questo paese. Proprio loro che la compongono hanno smesso di guardare quant'è bella l'Italia." 
Ce ne sono tanti che partono, vanno lontano, solo da lì riescono a vedere la bellezza dell'Italia, e alla fine tornano sempre.
"Viaggiare aiuta a scoprire quello che lasci, che a volte è dato troppo per scontato. Gli italiani vanno all'estero per fare ciò che potrebbero fare in Italia. Se hanno degli obiettivi, allora possono avere successo. Ma se partono senza, non li troveranno mai e da nessuna parte. Questo pessimismo cosmico non ci porterà a nulla, e per questo nasce Together: promuovere il made in Italy nel mondo e soprattutto in Italia, farci ricordare le cose che ci siamo dimenticati."



Together chiama il mondo, è un posto chiuso ma non ha muri e dentro ci trovi tutto quello che non può avere confini. Coinvolge, ispira, insegna. Attira l'attenzione di persone che nella vita vogliono fare qualcosa ma non la stanno ancora facendo. Offre strumenti a chi vuole utilizzarli per realizzare le proprie idee.

"Vogliamo che la gente prenda l'abitudine di venire da noi a mostrare agli altri quello che sa fare. Qualsiasi passione tu abbia, l'hai vista, percepita, toccata una prima volta, qualcuno ti ha mostrato quello che poi avresti amato. Noi vogliamo fare in modo che le persone si trovino, vogliamo portare il mondo in una casa."

Foto di Nicolò Balini - Raduno YouTube Roma 
Ormai Together ha due mesi di vita. Ha accolto circa cinquecento persone diverse. Ha ospitato mostre d'arte, sfide di cucina, rappresentazioni artistiche, proiezioni di film, tante cene insieme. In programma, oltre ai corsi di Lingua Inglese, un corso di Ufficio Stampa e Comunicazione Giornalistica, uno di Ashtanga Yoga e uno di Sviluppo di Applicazioni Web, laboratori di Fotografia Mobile, un mercatino di roba vintage e tantissime altre cose, tutte proposte dagli ospiti e scritte sulla lavagna in soggiorno. Ha un network di cui potete far parte, un blog per non perdere nessuna iniziativa, una pagina Facebook per supportarli e rimanere aggiornati.


L'intuizione di Together è maturata con il tempo, mi dice Ernesto, che due anni fa faceva girare per il mondo un'agenda e invitava tutti a scriverci quello che più li ispirava. Anche quella volta aveva trovato un nome in inglese per il suo progetto: Meeting Life, la vita che si incontra dentro a un quadernino che unisce le persone, i luoghi, i cuori. Together è lo stadio avanzato di Meeting Life, quello che ti porta ad avere risultati e a condividerli con tante persone. 

Ernesto ha avuto una grande intuizione, e ha avuto il coraggio e l'impegno per renderla viva. E se prima faceva girare l'ispirazione in un quadernino per un mondo senza confini, adesso apre le porte di casa sua per fonderci il mondo, per ispirarlo e per esserne ispirato. In ogni angolo e in ogni modo.


 
Non è necessario che tu esca di casa. Rimani al tuo tavolo e ascolta. [..] Il mondo ti si offrirà per essere smascherato, non ne può fare a meno, estasiato si torcerà davanti a te. - Franz Kafka

Nessun commento:

Posta un commento